giovedì , 28 Maggio 2020
Home / Aggiornamenti / Mate 30 e Mate 30 Pro in Europa dal 15 novembre

Mate 30 e Mate 30 Pro in Europa dal 15 novembre

E’ stato proprio lo stesso Ceo di Huawei, Richard Yu, in un evento dedicato svolto lo scorso mese in Germania, precisamente a Monaco, a parlare per la prima volta della possibile commercializzazione dei due flagship tanto attesi, Mate 30 e 30 Pro, anche in Europa. Nelle ultime ore questa notizia è stata confermata e sembra che finalmente ci siamo. Dalle voci che trapelano sul web sembra che la prevendita dei due top di gamma Huawei, partirà da metà novembre, precisamente dal 15. La notizia sembra più che attendibile ma, non essendoci ancora proclami ufficiali, ci tocca aspettare per confermarne l’autenticità.

Non è un periodo facile per Huawei e, la scelta di commercializzare nonostante tutto, i suoi top di gamma nel mercato europeo, è sicuramente coraggiosa. Non sappiamo quanto sia vincente ma sicuramente dietro questa operazione di marketing c’e’ una strategia ben precisa che al momento ignoriamo.
Eh sì, perchè, forse non tutti lo ricordano, ma Huawei, qualche mese fa, ha ricevuto un ban dall’amministrazione Trump, un ban che ancora non si è risolto ma che potrebbe danneggiare l’azienda cinese e non di molto. Il ban consiste nel non poter usufruire di prodotti americani sui suoi dispositivi e, infatti, Mate 30 e 30 Pro saranno i primi smartphone Huawei ad essere commercializzati con questa restrizione.
In parole semplici, Mate 30 e Mate 30 Pro, avranno comunque a bordo Android 10 ma non potranno usufruire delle applicazioni Google (GApps). In particolare i due telefoni non potranno contare su Google Mobile Services, bensì dovranno basarsi esclusivamente su Huawei Mobile Services.
E’ proprio questa restrizione ad aver causato un ritardo nella commercializzazione di Mate 30 e 30 Pro in Europa, in quanto non possiamo sapere gli utenti come reagiranno e se decideranno di acquistare questi prodotti che, se pur ottimi, presentano delle limitazioni. Da un punto di vista, presentare due dispositivi con la suite software di proprietà, potrebbe essere una grande opportunità per Huawei ma, come detto poc’anzi, tutto dipenderà dalla ricezione dell’utenza.
Il telefono funzionerà al 100%, ovviamente, ma senza le applicazioni Google sarà quanto meno poco pratico per quelle persone abituate a connettersi, tramite dispositivo mobile, a particolari applicazioni, come quelle della banca e simili.
Qualcuno già pensa che entro Natale, tutto si risolverà con il pagamento di una multa da parte di Huawei agli USA, una multa che, se pur salata, farebbe comodo ad entrambe le parti ma questa rimane una indiscrezione per cui va presa con le pinze.

Per adesso ciò che sappiamo quasi con certezza è che, come afferma Tech Garage, Mate 30 e 30 Pro arriveranno in Europa il 15 novembre. I Paesi pronti alla commercializzazione dei due top di gamma dovrebbero essere: Germania, Francia, Spagna, Italia, Gran Bretagna e Svizzera.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche e il prezzo di lancio, non ci sono novità rispetto a quanto riferito un mese fa dall’amministratore delegato Huawei.
Mate 30, infatti, avrà a bordo una RAM da 8 GB e uno storage interno da 128 GB. Il suo prezzo di listino sarà 799 euro.
Sarà invece di 1.099 euro il prezzo di Mate 30 Pro che sarà spinto da 8 GB di RAM ma supportato da 256 GB di memoria interna.
Non dimentichiamo gli altri due dispositivi che andranno a completare la serie “Mate”. Stiamo parlando di Mate 30 edizione RS Porsche Design, che sarà disponibile al costo di 2.095 euro, e il Mate 30 5G che al prezzo di 1.199 euro dovrebbe arrivare qualche settimana dopo.

Grazie ad alcune indiscrezioni, ad oggi sappiamo anche le caratteristiche dei display dei due flagship Huawei.
Mate 30 avrà un pannello OLED da 6,62 pollici FullView, in FHD+ con risoluzione 2340 x 1080 pixel. Il fratello maggiore, ossia la versione Pro, vanterà una diagonale da 6,53 pollici con risoluzione 3120 x 1440 pixel.

Anche i comparti fotografici di Mate 30 e 30 Pro sono degli di nota. Per quanto riguarda il Mate 30, troviamo sulla parte posteriore, una quadrupla fotocamera costituita da un sensore principale da 40 megapixel, accompagnato da un sensore ultrangolare da 16 megapixel, abbinato a un teleobiettivo da 8 megapixel e ad un Laser Focus.
Il modello Pro invece sfoggia un sensore principale da 40 megapixel, supportato da un altro sensore da 40 megapixel (ultrangolare), supportato da un 8 megapixel e un sensore per la profondità.

Come si puo’ notare da questi particolari tecnici, la qualità di questi due device è indiscutibilmente alta e sicuramente daranno filo da torcere alla concorrenza. Per Huawei sarebbe stato molto più semplice se non avesse subito la restrizione da parte del Governo di Trump ma è ancora tutto da vedere, resta da capire, infatti, la ricezione degli utenti. Ad ogni modo non ci resta che aspettare per capire l’evolversi della faccenda.

Check Also

Honor 30s sarà presentato il 30 marzo

E’ stato proprio lo spot di una bibita gassata a farci intuire che il nuovo …

Lascia un commento