sabato , 15 Agosto 2020
Home / Aggiornamenti / Samsung Galaxy A71: La Recensione

Samsung Galaxy A71: La Recensione

Dopo il successo di Galaxy A70 presentato l’anno scorso, Samsung ha pensato bene di proporre Galaxy A71, ossia la versione aggiornata del modello precedente ponendolo esattamente nella stessa fascia di prezzo e nello stesso target. Come tutti i modelli della serie “A”, anche quest’ultimo rappresenta un medio-gamma, dalle prestazioni non proprio strepitose ma che piacerà per il suo perfetto equilibrio tra potenza e funzionalità. Oggi ve lo mostriamo in tutti i suoi dettagli.

D’altronde si sa, chi sceglie un cellulare Samsung ha come prerogativa principale ottime funzionalità e un display spettacolare. A71 corrisponde interamente a queste caratteristiche, in quanto, come vedremo tra poco, non ha un processore pressocchè scattante e ha molti punti critici ma è sicuramente la scelta migliore per chi vuole avvalersi di tutte le funzionalità che offre Samsung, i servizi e la facilità di gestione che, possiamo dirlo, superano di gran lunga la concorrenza.

163.6 x 76 x 7.7 mm sono le dimensioni di questo dispositivo che lo rendono difficilmente gestibile con una sola mano. Il peso, 179 grammi, bilancia perfettamente le dimensioni e, per molti, riesce ad essere anche piacevole da maneggiare.
Essendo un modello di fascia media, è costruito con materiali non prestigiosi ma Samsung ha fatto un ottimo lavoro in questo senso. Infatti, la scocca posteriore è completamente rivestita di un materiale che l’azienda chiama Glasstic, ossia policarbonato che, al tatto e alla vista, da’ la sensazione di essere vetro.
Sulla parte anteriore, invece, troviamo uno splendito display da 6,7 pollici
super Amoled con risoluzione Full HD+. Sulla parte superiore, il pannello non presenta alcuna tacca o notch, bensì spunta un foro che ospita una fotocamera di ben 32 megapixel.
I bordi, ridotti al minimo, sono anch’essi completamente in plastica ma Samsung è riuscita a fare un ottimo lavoro anche qui: grazie alla rifinitura lucida, sembra che si abbia a che fare con il metallo.
Sulla parte inferiore del display è posizionato il lettore delle impronte digitali che purtroppo, se pur abbastanza preciso, è molto lento e questo può risultare un difetto ingombrante per gli smanettoni.

Una caratteristica positiva è il triplo slot, in poche parole in telefono può accogliere contemporaneamente 2 SIM e una MicroSD. Nel bordo posteriore c’e’ l’uscita audio da 3,5 mm ed è presente la porta Type-C per ricaricare il telefono.

Ma entriamo nel vivo della nostra recensione, arrivando ai punti focali di A71, ossia la componentistica tecnica.
Galaxy A71 è il primo telefono di fascia A con un processore Snapdragon e non Exynos come abbiamo visto fin’ora.
Il processore Snapdragon 730 di produzione Qualcomm spinto da 6 GB di RAM e supportato da una batteria non molto energivora da 4500 mAh, rende il dispositivo abbastanza fluido, benchè non raggiunga le prestazioni di un top di gamma, e piacevole nel suo utilizzo. Il lavoro lo svolge bene e i lag sono ridotti. Anche i giochi riescono ad essere eseguiti perfettamente dunque è sicuramente uno smartphone da consigliare sia per lavorare che per il tempo libero.
Anche l’autonomia gioca il suo ruolo fondamentale, in quanto con un utilizzo medio, è possibile mantenere il telefono in vita con una sola ricarica. Regge alla grande anche un utilizzo più spasmodico: con un lavoro intenso, si arriva alla fine della giornata con almeno il 10% di carica.

Passiamo adesso al comparto fotografico, molto ricco, specialmente nella quantita di sensori.
Il sensore principale è da 64 megapixel con apertura f/1.8 utilizzato per la profondità di campo. Il secondo sensore è un grandangolare da 123° e apertura f/2.2 destinato alla calibratura delle foto ravvicinate (3-5 cm). Sono presenti altri due sensori da 5 megapixel.
Nel complesso le foto sono di buona qualità ma l’utilizzo non lascia sorpresi positivamente. Forse perchè con lo scatto si ottengono le stesse foto di un Galaxy A51 (che costa 100 euro in meno), o forse perchè soprattutto di notte molte vengono sfocate.

Ad impreziosire l’hardware di Galaxy A71 ci pensa il sistema operativo, ossia Android 10 e l’interfaccia grafica Samsung One UI 2.0, curata, gradevole e al massimo della personalizzazione, sicuramente costituisce uno dei punti forti dei dispositivi Samsung in generale.

Samsung Galaxy A71 è disponibile in Italia dalla fine di gennaio nelle seguenti colorazioni: nero, blu e argento. Il prezzo di lancio è di 479,90 euro che, relativamente alle caratteristiche tecniche, ci sembra un pò troppo ma già sappiamo che i telefoni Samsung, dopo qualche settimana dalla commercializzazione, subiscono un calo di prezzo, ragion per cui ci sentiamo di consigliare l’aquisto di questo dispositivo quando costerà 350 euro.

Check Also

Galaxy A41: Il nuovo smartphone Samsung di fascia media

Siamo finalmente arrivati alla vigilia della commercializzazione di Galaxy A41, il nuovo smartphone Samsung di …

Lascia un commento