sabato , 19 Settembre 2020
Home / Aggiornamenti / Un carattere indiano blocca i dispositivi Apple

Un carattere indiano blocca i dispositivi Apple

Nelle ultime ore, sul web, non si parla di altro e, in effetti, il bug riscontrato sui dispositivi Apple ha dell’incredibile.

iPhone e Mac, tutti i dispositivi Apple, temono un carattere indiano capace di mandare in crash il dispositivo e addirittura riavviarlo improvvisamente.

Non è un virus o un problema software a spaventare i device di Cupertino, bensì un semplice carattere della lingua Telugu ossia la seconda lingua più diffusa in India, che se inviato tramite un’applicazione di messaggistica, è capace di inibire il sistema operativo fino a mandarlo in tilt poichè il software cercherebbe di caricare il carattere ma senza successo.

Il 2 Febbraio, su Openradar, si è parlato per la prima volta di questo bug che colpisce i dispositivi Apple e, in poche ore, la notizia, ha fatto il giro del mondo.
In particolare, se si ha un iPhone o un iPad e si riceve questo carattere tramite WhatsApp, iMessage, Messenger, twitter, Outlook e Gmail, l’applicazione in uso, si arresta improvvisamente finchè, nel caso specifico di WhatsApp, il contatto che ha inviato il carattere incriminato, manda un nuovo messaggio, a quel punto l’applicazione torna a funzionare e, in quel caso, bisogna rimuovere tempestivamente il carattere indiano che ha causato il problema.

Nel caso delle applicazioni che, visualizzando il carattere vanno in crash, purtroppo il dispositivo subirà un riavvio e, l’unica soluzione è formattare il device, portandolo alle impostazioni di fabbrica.

Apple ha fatto sapere che risolverà il bug il prima possibile, probabilmente nell’aggiornamento del sistema operativo iOS 11.3, dunque relativo agli iPhone.

Ci auguriamo che una soluzione tempestiva arrivi anche per tutti gli altri dispositivi Apple. Per il momento non ci resta che aspettare i prossimi risvolti.

Check Also

OnePlus 8 Pro: La recensione

OnePlus è arrivata nel mercato della telefonia mobile solo pochi anni fa con una strategia …

Lascia un commento